04/11/2020

NUMERI IMPORTANTI PER SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

Dicono di noi - quotidiano La Città


 

Teramo – Lunedì 2 novembre sono riprese le lezioni full immersion per la Coorte ATSC per il corso triennale in Scienze della comunicazione per l’azienda ed il commercio e per il corso magistrale in Comunicazione per la gestione delle organizzazioni. 

Le lezioni sono state svolte online e hanno visto la partecipazione di oltre 400 studenti lavoratori.

«La formazione - afferma il Dott. Franco Damiani, Presidente ATSC - è stata ed è ancora uno degli strumenti principali per scongiurare le disuguaglianze sociali, territoriali e di genere, favorendo, in una parola, l’inclusione sociale. Nel periodo del lockdown tra UNITE, ATSC e studenti c’è stato un distanziamento fisico ma non sociale; l’attenzione e l’impegno della facoltà e dell’associazione hanno fatto sì che non mancasse il necessario sostegno e che nessuno si sentisse solo».

Una visione, d’altronde, condivisa da sempre da entrambi gli enti, così come la considerazione dell’alta formazione come vera e propria missione. Ancor di più in questo particolare momento storico, ritenendola una componente strategica per recuperare produttività. I dati parlano chiaro: nel 2020 le immatricolazioni sono aumentate, raggiungendo – tra corso di laurea triennale e magistrale - quota 225, per un totale di oltre 1100 iscritti dall’inizio del progetto (2013).

«Visto il momento particolarmente complesso che stiamo vivendo – ha commentato il Professor Christian Corsi, Preside di Scienze della Comunicazione -, la facoltà di Scienze della Comunicazione, sia per il corso triennale che per la nuova magistrale, ha raggiunto per la coorte ATSC dei numeri sicuramente significanti. Questo a dimostrazione della bontà del progetto che all’ottavo anno di vita continua a raggiungere degli obiettivi importanti, non solo a livello quantitativo, ma anche e soprattutto qualitativo, con un impegno da parte degli studenti particolarmente significativo, che concludono il loro percorso nei tempi previsti. Essi stanno dimostrando impegno e serietà anche nelle lezioni on line, a cui ovviamente siamo obbligati, partecipando con attenzione e con grande motivazione».

A conferma di quanto realizzato sino ad ora, occorre tenere presente che la formazione è stata inserita tra gli obiettivi strategici di lungo termine del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), il documento di programmazione delle risorse europee del Next Generation. Nello stesso documento si afferma che “un’attenzione particolare deve essere rivolta alla popolazione in età lavorativa con politiche di lifelong-learning (…)”.

«Il partenariato tra UNITE e ATSC si è rivelato precursore degli eventi – ha concluso il Dott. Damiani -, erogando già da 8 anni l’alta formazione ad una categoria di lavoratori che ha colto in anticipo l’importanza di formarsi per mantenere alta la competitività e la propria spendibilità sul mercato, anche nello scenario venturo. Oltre al presente, infatti, occorre guardare al futuro: dai dati Enasarco si evince una diminuzione drastica degli agenti di commercio, che può essere scongiurata dobbiamo scongiurare anche e soprattutto attraverso la formazione continua. Occorre un’innovazione, affinché si arrivi al 2030 con una categoria ben qualificata». 

Utilizzo dei cookie su ATSC

Questo sito utilizza cookie tecnici per rendere più agevole la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca qui. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che acconsenti all'uso dei cookie.